Tribuna est, accordo bonario con le imprese del secondo stralcio. L’Arengo verserà circa 270 mila euro per evitare il contenzioso

C’è una stretta di mano, con un accordo bonario, per chiudere il discorso relativo alla tribuna est dopo che le imprese aggiudicatarie avevano presentato delle riserve per maggiori richieste a seguito dei lavori eseguiti. L’Amministrazione comunale uscente ha deciso di chiudere la vicenda versando all’associazione di imprese che si è occupata del secondo stralcio dell’opera una somma pari a 267.377,62 euro più iva.

L’Arengo, infatti, a fronte delle riserve presentate dalle imprese, ha deciso di trovare un accordo bonario che prevede il riconoscimento alle stesse di una cifra pari a 294.115,38 euro iva inclusa. Una transazione motivata dalla volontà di evitare «l’insorgere di un lungo contenzioso per l’importo di circa 2.000.000 di euro che potrebbe vedere l’Amministrazione anche solo parzialmente soccombente».

 

No comments

LEAVE A COMMENT