Commercio, negli ultimi 4 mesi 23 aperture. Di Micco: ‘In caso di vittoria le tre notti bianche sono confermate”

 Dal primo gennaio 2019 al 15 maggio scorso, sono state complessivamente 18 le attività commerciali che hanno aperto nel comune di Ascoli. Di queste, 6 riguardano il commercio elettronico e 12 il commercio tradizionale (negozio). A fronte di queste 18 aperture, 7 sono state le cessazioni di attività. Sul fronte del food e della somministrazione (bar e ristoranti), invece, le aperture, sempre nello stesso periodo di tempo, sono state 5, mentre le chiusure 3.

“Un saldo positivo – dice l’ex assessore al commercio e capolista della lista ‘Per Ascoli’ a sostegno del candidato  sindaco Marco Fioravanti alle elezioni comunali del 26 maggio, Massimiliano Di Micco -, anche se sono molte le attività commerciali che abbassano le serrande e che non lo comunicano al Comune. Dunque, il divario tra aperture e chiusure potrebbe essere meno ampio di quanto lo è con i dati che abbiamo a nostra disposizione. L’obiettivo, però, deve essere quello di scongiurare quante meno cessazioni possibili e di incentivare l’avvio di nuove attività. Per raggiungerlo occorre innanzitutto calendarizzare gli eventi che si svolgono in città, così da permettere agli addetti del settore di poter programmare aperture e iniziative in concomitanza. E a proposito di eventi, annuncio fin da ora che in caso di vittoria di Fioravanti e di un mio ritorno all’Arengo, le tre notti bianche si faranno dando così continuità a una tradizione che dura da molti anni. Sia quelle minori, ma comunque sempre di grande successo in termini di partecipazione e di grande respiro per i commercianti in termini economici, nei quartieri di Porta Maggiore e Monticelli, sia quella del centro storico del 10 agosto. Altro settore – conclude Di Micco – sul quale come amministratori è necessario lavorare per aiutare il commercio è il turismo. Più eventi e più promozione di una città meravigliosa come Ascoli possono rappresentare la strada giusta da percorrere per incrementare il flusso turistico. Anche attraverso l’ausilio di pacchetti studiati ad hoc2.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT