Ventidio, la favola di Hansel e Gretel chiude la stagione di teatro per ragazzi

Con ‘La storia di Hansel e Gretel’ di scena domenica, alle 17.30, al Ventidio Basso, si conclude la stagione  di teatro per tutta la famiglia promossa dal Comune e dall’Amat, con il contributo di Regione Marche, Mibac e il sostegno del Bim Tronto. Nella regione tedesca dello Spessart esiste ancora una fitta foresta, difficile da attraversare con i suoi pochi e aspri sentieri, resi ancora più difficoltosi da giganteschi e ombrosi pini e faggi, i cui rami intralciano il cammino. Per i contadini della zona è ‘il bosco della strega’, per via di un rudere con i suoi quattro forni e della storia di una donna bellissima che, con i suoi dolci magici, catturava quanti, perdendosi nel bosco, arrivavano nei pressi della sua casa. Sembra essere questa l’origine della fiaba di Hansel e Gretel, racconto ‘ombroso’ come il bosco, reso ancora più inquietante dalla presenza di una donna che appare ai due fratellini bellissima, accogliente e materna, ma strega che inganna e mangia i bambini. Nello spettacolo, come nella fiaba, la sua presenza getta una luce mutevole su ogni passaggio della storia: il giornaliero inganno dell’immagine nasconde verità opposte, o semplicemente più complicate. La casa, il bosco, il sentiero illuminato dai magici sassolini, le piume lucenti del cigno, tutto gira e si trasforma, per poi ritornare con una luce nuova, come il sole ogni mattina. Il testo dello spettacolo, prodotto da Crest e interpretato da Catia Caramia, Paolo Gubello, Maria Pascale, Luigi Tagliente, è di Katia Scarimbolo, scene, luci e regia sono di Michelangelo Campanale, i costumi di Cristina Bari. Per informazioni: biglietteria del teatro 0736/298770.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT