Le presenze turistiche ad Ascoli saranno conteggiate in tempo reale tramite i telefonini

I visitatori della città potranno essere monitorati, conteggiati e studiati tecnologicamente in tempo reale, grazie ad un innovativo sistema di rilevazione di presenze e arrivi. Un sistema che consentirà all’Arengo di avere ogni giorno e per ogni evento tutti i dati relativi a presenze ed arrivi in città, per poter poi capire come indirizzare la strategia turistica. Nei prossimi mesi, infatti,  grazie a smartphone e schede telefoniche, l’Arengo potrà conoscere in tempo reale quanti visitatori sono in città, quanti giorni rimangono, da dove vengono e quando lasciano Ascoli. Si potrà sapere, subito, ad esempio, quanti turisti arriveranno sotto le cento torri per la Quintana o per il Carnevale ed altre manifestazioni , riuscendo anche a sapere la città di provenienza. Tutto questo grazie ad un sistema innovativo che Siena ha già sperimentato in occasione dell’ultimo palio e che, inserendosi all’interno del progetto “From past to smart” già finanziato con 6,1 milioni di euro, proietterà il capoluogo piceno avanti rispetto ai tradizionali dati ufficiali regionali sul turismo che, solitamente, arrivano un anno dopo rispetto ad ogni stagione turistica.

 

Ad Ascoli, dunque, il turismo potrà viaggiare e muoversi di pari passo con la tecnologia e le sue grandi potenzialità. Proprio grazie a smartphone e schede telefoniche (ancor meglio, attraverso le celle telefoniche), anche nel capoluogo piceno – così come si sta sperimentando in qualche altra città italiana – sarà possibile monitorare i flussi turistici, quindi arrivi e presenze, ma anche la provenienza dei visitatori della città. E questo rappresenterà uno strumento utilissimo per programmare la strategia turistica per tempo e anche aggiustare il tiro nella programmazione degli eventi, considerando che si potrà capire quante persone e da dove arriveranno ad Ascoli per quella particolare iniziativa o manifestazione.

«Per quel che riguarda il progetto già finanziato “From past to smart”, stiamo già procedendo con i vari affidamenti e ora si sta studiando – conferma il sindaco Guido Castelli – a fianco all’attivazione della rete wi-fi libera nel centro storico cittadino, anche l’introduzione di questo sistema innovativo per rilevare le presenze in città, inclusi gli arrivi e le uscite ovvero le partenze di visitatori. Si tratta di un sistema che alcune città e alcune regioni hanno già adottato che, di fatto, censisce gli arrivi e le partenze di visitatori sulla base delle celle e delle schede telefoniche, ovviamente escludendo quelle degli autoctoni, ovvero dei residenti in città».

 

“Quello che stiamo attivando sarà un cruscotto per valutare i flussi ma anche i rendimenti, – prosegue il primo cittadino – ovvero uno strumento che ci consentirà di capire la provenienza di ogni visitatore arrivato in città giorno per giorno e in tempo reale. E possiamo anche capire come si muoverà il visitatore, ovviamente sempre anonimo, quindi nel rispetto della privacy, quindi anche se pernotterà e quante notti pernotterà e così via. Inoltre, in questo modo si potrà sapere anche la capacità attrattiva di ogni evento in città. Ad esempio, si potrà sapere quanti turisti siano arrivati durante la Quintana, da dove siano arrivati e se abbiano pernottato ad Ascoli. Si potrà, quindi, avere il riscontro di tutte le persone in visita in città, da dove vengono, ad esempio dall’entroterra o dalla costa e anche da che parte della città se ne andranno e quindi dove sono diretti. E questo consentirà in tempo reale di gestire e programmare la strategia turistica della città”.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT