L’Arengo sblocca almeno 15 assunzioni e altre stabilizzazioni già dal 2019

Ormai a ridosso del Natale, l’Arengo confeziona  almeno una quindicina di assunzioni dell’ente dal 2019 al 2021. Oltre ad alcune stabilizzazioni e ad altre assunzioni ancora da attivare e già previste nel 2018. Una scelta che nasce dall’approvazione in giunta del nuovo Piano occupazionale che prevede nuovi posti di lavoro in quei settori dell’ente ritenuti maggiormente in difficoltà dal punto di vista dell’organico, sulla scorta dei margini di manovra concessi dalla legge Madia e tenendo conto anche dei pensionamenti. Un pacchetto di assunzioni che dovrebbe, quindi, essere sviluppato da subito, ovvero dal 2019 e fino al 2021, ma soprattutto nel 2019. Quando si dovrebbe concretizzare anche l’assunzione di un nuovo dirigente amministrativo per coprire i pensionamenti. Il tutto considerando che proprio i pensionamenti, nell’ultimo anno, sono stati 16.

Saranno circa 15, nei prossimi tre anni, le assunzioni di dipendenti da parte dell’Arengo cui si aggiungeranno delle stabilizzazioni, sulla base del nuovo Piano occupazionale. Tra queste, due riguarderanno i servizi sociali, altri due il settore lavori pubblici (dove servono operai), altre tre il potenziamento dell’organico dei vigili urbani che hanno necessità di coprire sempre maggiori servizi, tre le categorie svantaggiate (con qualcuno già al lavoro con l’ente ma in maniera precaria). Poi si tamponeranno le esigenze di personale di altri settori come l’Ufficio ragioneria, l’anagrafe (che soprattutto in coincidenza delle tornate elettorali necessita di più addetti), la centrale unica di committenza, l’Ufficio unico entrate (tributi). Oltre alla dotazione ritenuta necessaria per poter tamponare le carenze in questi settori, si pensa anche all’individuazione di un nuovo dirigente amministrativo da assumere nel 2019.

La modalità che si utilizzeranno per l’assunzione di queste nuove figure all’Arengo, sulla base del Piano approvato, prevedono in prima battuta – come da normativa – il ricorso alla eventuale mobilità esterna, ovvero al trasferimento da un altro ente di eventuali persone interessate e poi, in seconda battuta, si procederà con i concorsi.

Share Post
Written by
No comments

LEAVE A COMMENT