Ascoli, Vivarini: “Col Verona la giusta rabbia per una partita importante”

Un Vincenzo Vivarini desideroso di pronto riscatto è quello che si è presentato oggi pomeriggio in conferenza stampa al Picchio Village: “Quella di domani sarà sicuramente una bella partita, importante perché dobbiamo fare risultato a tutti i costi, affrontiamo un avversario di grande levatura tecnica, sarà una sfida avvincente, dobbiamo riscattare la prestazione non bella col Livorno, tutti noi abbiamo voglia di andare oltre l’ostacolo, vogliamo ottenere il massimo da questa partita. Non possiamo permetterci il lusso di questi passaggi a vuoto. Domani troveremo una squadra dalle grandi individualità, dalla classifica importante, abbiamo dentro quella rabbia necessaria per fare una prestazione veramente importante. C’è bisogno di fare risultato domani e metterci alle spalle questa negatività”.

Soltanto due giorni per preparare la sfida di domani, ma la voglia di riscattare la sfida di Livorno è forte: “E’ difficile preparare una gara in così poco tempo e proprio per questo abbiamo deciso di riunirci prima per avere più tempo per analizzare le cose da fare contro il Verona. Ho cercato di far capire ai giocatori le cose negative emerse al Picchi, abbiamo tutti le nostre responsabilità, è stata una partita in cui neanche i calciatori si erano resi conto di quanto fatto; mi è dispiaciuto che non abbiamo dato tutto quello che potevamo, è una sconfitta che brucia e che non ci voleva, potevamo farne a meno e ora dobbiamo metterla alle spalle”.

Tanti i punti di forza della squadra veneta. Il tecnico bianconero non si pone limiti: “E’ un avversario dalle grandi individualità, bravo nell’uno contro uno, con un tasso tecnico elevato, riesce ad avere fasi di sviluppo ben organizzate; se occupa le posizioni di vertice vuol dire che ha la forza per poter mettere in difficoltà le altre squadre, ma in questo campionato non esistono partite impossibili, dobbiamo avere noi la capacità di affrontarle tutte col piglio giusto”. Tre partite in una settimana e la possibilità di turn over nelle file bianconere:

“Sono necessari calciatori di esuberanza, che hanno voglia di correre, aggredire, dare forza alla squadra, che abbiamo voglia di imporsi in questo campionato, dobbiamo capire che chi sta fuori non può accettare prestazioni come quella di Livorno, quindi un giusto turn over non sarebbe male. Brosco? Ha recuperato, mentre Baldini a Livorno ha subito un colpo al ginocchio, non so se riesco a recuperarlo; qualcuno ha un po’ di affaticamento. Addae? Possiamo fare turn over, c’è bisogno di forze fresche, motivazione molto alta, nessuno deve essere sicuro del proprio posto. Lanni? Sta bene, verifichiamo anche lui oggi pomeriggio, ha fatto una settimana di allenamento, la gerarchia la dirà il campo. Ardemagni? Sta facendo il suo percorso di lavoro, penso che rientrerà fra un paio di settimane. L’attacco? Potrei cambiare qualcosa, c’è bisogno di correre, lottare su ogni pallone, non siamo inferiori a nessuno”.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT