L’Arengo invia avvisi a chi non ha pagato Imu e Tasi fino al 2016

Ondata di avvisi per recuperare le tasse comunali non pagate o pagate solo parzialmente. Stavolta si tratta di una serie di solleciti di pagamento per omessa o infedele dichiarazione di immobili e, quindi, di omessi versamenti di Imu e Tasi per il periodo dal 2012 al 2016. Avvisi per recuperare una somma complessiva di quasi 87.000 euro (inclusi sanzioni e interessi). Somma che riguarda solo una parte di quello che è il conto totale delle cifre non versate da un numero sempre rilevante di cittadini. Basti pensare che già all’inizio dell’anno in corso, l’Arengo era ripartito alla carica con gli avvisi per recuperare somme non dovute molto importanti, nello specifico per Ici e Imu degli anni 2011 e 2012, pari a oltre 600.000 euro. Ma, soprattutto, la riflessione più significativa sta nel fatto che si tratta di somme relative sostanzialmente alla proprietà di immobili e, quindi, non riferibile almeno in gran parte a persone in gravi difficoltà. Anche se, potrebbe anche esserci una fascia di cittadini che magari, pur avendo una casa di proprietà, nel frattempo ha perso il lavoro. Difficile, in ogni caso, dare una chiave di lettura universale a tutte le situazioni debitorie annose nei confronti dell’ente comunale. Di fatto, quello da riscuotere ora rappresenta l’ennesimo credito del Comune, nei confronti di molti cittadini, che contribuisce ad ingigantire, quello che nel corso degli ultimi dodici anni, è diventato un maxi-credito pari alla vertiginosa somma di oltre 11 milioni di euro. Il ritornello, dunque, continua a essere sempre lo stesso, con l’Arengo che si ritrova a doversi attivare in maniera sistematica per far quadrare i conti a fronte di sistemi di recupero crediti che finora, Equitalia inclusa, si sono rivelati del tutto insufficienti. E tutto questo si registra in uno scenario che si è terribilmente complicato anche e soprattutto per gli effetti devastanti della crisi occupazionale e, goccia per far traboccare il vaso, pure della mazzata-terremoto.

Share Post
Written by
No comments

LEAVE A COMMENT