Batterie del pacemaker scariche, escursionista soccorso in montagna

Disavventura per un escursionista di 77 anni che mentre si trovava sul Monte Sibilla si è reso conto che le batterie del suo pacemaker si erano esaurite. Il pronto intervento dei soccorsi ha consentito che l’anziano venisse trasportato all’ospedale e sottoposto alle cure del caso. E’ quanto avvenuto nel pomeriggio di ieri quando il settantasettenne, mentre stava riscendendo da una passeggiata in montagna, si è accorto che il suo pacemaker si stava scaricando. A quel punto, ha preferito non proseguire e raggiungere il Rifugio Sibilla situato ad una altitudine di oltre 1500 metri sul livello del mare da dove ha richiesto l’intervento del 118. Contestualmente sono stati allertati anche i carabinieri di Montemonaco che hanno inviato sul posto una pattuglia.  Al fine di evitare all’escursionista eccessivi disagi, è stato richiesto l’intervento dell’eliambulanza che in pochi minuti ha raggiunto il rifugio e dopo aver caricato a bordo il settantasettenne è ripartita alla volta dell’ospedale regionale di Torrette dove l’escursionista è stato ricoverato e sottoposto alle cure del caso.

Share Post
Written by

Vice direttore della Gazzetta di Ascoli - Giornalista

No comments

LEAVE A COMMENT