I vini del Piceno protagonisti al Vinitaly con Cia e Copagri

Numerosi i vini del Piceno in mostra in questi giorni alla più importante fiera internazionale dedicata al vino. Anche quest’anno, infatti, Cia- Agricoltori Italiani di Ascoli è presente al Vinitaly, il più importante salone internazionale del vino e dei distillati, in programma dal 15 al 18 aprile nel polo di Veronafiere. Nei 120 metri quadrati dello spazio confederale (stand D2) all’interno del Padiglione 10, tante degustazioni ed eventi dedicati al settore, e non solo, insieme alle imprese associate del territorio Piceno. Sul terrazzo dello stand delle Marche la presidente della Cia Marche Mirella Gattari ed i rappresentati della Cia provinciale e della Copagri brinderanno insieme ai viticoltori locali. Sono ventidue aziende vitivinicole d’eccellenza provenienti da Veneto, Sicilia, Umbria, Piemonte, Campania, Toscana e Marche si alterneranno negli spazi espositivi per raccontare ogni giorno una storia e un territorio. All’ estero, tra chi non rinuncia ad un bicchiere di vino italiano sulla tavola, ci sono al primo posto gli statunitensi che importano dal nostro Paese prodotti vinicoli per un valore di circa 1,4 miliardi euro (pari al 23,5% del totale dell’export italiano di vino e in crescita del 4,2% tra 2016 e 2017), seguiti dai tedeschi con oltre 985milioni di euro (16,4% del totale) e dal Regno Unito che importa circa 810 milioni di euro (il 13,5%, crescita del +5,9%). La Russia, il Brasile e la Cina sono invece i Paesi in cui si registra tra 2016 e 2017 la crescita maggiore di importazioni dall’Italia: rispettivamente +43%, +60,6% e +28,7%. E nella classifica dei produttori di vino più “amati” al mondo, l’Italia conquista il secondo posto, preceduta solo dalla Francia prima con 8,1 miliardi di euro di export di prodotti vinicoli nel mondo nel 2016, assorbendo circa un terzo delle esportazioni mondiali di vino (28,1%), seguita dall’Italia con 5,6 miliardi di euro, pari al 19,3% del totale, dalla Spagna (2,6 miliardi di euro, 9,2%), e dal Cile (1,6 miliardi di euro, 5,7%). E guardando ai 10 maggiori importatori di vino al mondo, l’Italia è il primo Paese da cui importano Germania e Svizzera, rispettivamente il peso delle importazioni dall’Italia è del 37,6% e del 35,1%, mentre negli Stati Uniti (29,7%), nel Regno Unito (21,2%), nei Paesi Bassi (12,2%) e in Belgio (11,3%) è il secondo Paese da cui si importano vini. Sono complessivamente oltre 80mila le imprese del vino attive in Italia, si tratta principalmente di imprese di coltivazione di uva (79.762), a cui si aggiungono le imprese di produzione di vino (1.850).

No comments

LEAVE A COMMENT