“Un campione per Amico”, Piazza del Popolo si trasformerà in una grande palestra

panatta1-480x480Banca Generali – Un Campione per Amico –  la più importante e longeva manifestazione italiana a carattere sportivo-educativo, promossa da quattro miti dello sport italiano come Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Francesco Graziani e Jury Chechi, in collaborazione, per il nono anno consecutivo, con Banca Generali, sbarca nelle Marche. La cornice suggestiva sarà quella di Ascoli Piceno: grazie all’aiuto e al sostegno delle autorità locali, Piazza del Popolo si trasformerà in una palestra a cielo aperto, dove i quattro importanti testimonial insegneranno ai bambini delle scuole elementari e medie inferiori, non solo i segreti per diventare dei veri campioni, ma soprattutto cosa vuol dire vivere lo sport attraverso l’integrazione, il rispetto delle diversità, la determinazione e la passione che l’esempio di una guida-campione può fornire. Sarà compito infatti di Adriano, Andrea, Francesco e Jury, Martedì 17 Aprile a partire dalle ore 9.30, trasmettere ai giovani carattere e sana competizione, tipici valori dello sport e della vita.  L’obiettivo del tour è quello di avvicinare i ragazzi ad un’attività fisica regolare, indispensabile insieme ad una corretta alimentazione, per lo sviluppo e la crescita sana. “Per noi è una grande soddisfazione poter far parte di questo tour che consentirà ai nostri ragazzi di apprendere da quattro pilastri dello sport italiano tutti i segreti e l’importanza della pratica sportiva – dichiara il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli -. Un’altra testimonianza di come Ascoli, che è stata Città Europea dello Sport 2014, stia assumendo in ambito nazionale una sempre maggiore e crescente rilevanza. Ringraziamo vivamente gli organizzatori”.  “Lo sport è portatore di valori sani che vanno oltre il  risultato agonistico e l’obiettivo di tale iniziative è proprio il medesimo – afferma l’assessore comunale allo Sport Massimiliano Brugni -. Siamo sicuri che il tour riscuoterà un grandissimo successo. Inoltre rappresenta un enorme orgoglio poter ospitare nella nostra città campioni come Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Francesco Graziani e Juri Chechi. Ognuno di loro incarna alla perfezione la figura dello sportivo grande dentro e fuori dal campo di gioco” .  Banca Generali conferma l’attenzione verso le tematiche valoriali nei confronti delle nuove generazioni, scegliendo di affiancarsi per il nono anno consecutivo alla kermesse che per questa edizione può anche contare su un rafforzamento dei messaggi sociali. Da una parte infatti l’impegno per l’educazione finanziaria prosegue con un terzo libretto “alla scoperta del patrimonio” sviluppato dalla banca per accompagnare i ragazzi nei rudimenti del risparmio sensibilizzando all’importanza del rispetto delle tematiche patrimoniali. Questo messaggio viene inoltre arricchito dalla partecipazione della Fondazione dell’Abi per l’educazione finanziaria –Feduf- che organizzerà degli incontri formativi nelle scuole contestualmente ad alcune tappe del tour. Dall’altra il crescente sviluppo sociale si esplicita nel coinvolgimento di -“The Human Safety Net Onlus”- fondazione no profit del Gruppo Generali, che accompagnerà il tour raccogliendo fondi e sensibilizzando il pubblico al progetto “For families” nato per supportare genitori, in situazioni complesse e disagiate, nei confronti dei loro bimbi cercando di migliorarne l’ambiente di crescita e le prospettive future. “Siamo molto contenti di tornare in terra marchigiana e per la prima volta essere ad Ascoli Piceno per promuovere un evento che non è solo sportivo ma racchiude in se valori fondanti di vita e di relazione – spiega Ermes Biagiotti, Area Manager di Banca Generali Financial Planner in Marche e Abruzzo – crediamo sia importante trasmettere alle nuove generazioni i valori positivi dello sport e avviarli anche ai primi passi nell’educazione finanziaria che è uno dei temi clou nella sfera del risparmio”. “Ogni anno questa manifestazione – spiega Adriano Panatta – riesce a trasmettere sensazioni uniche non a caso ha raggiunto ormai numeri importanti in termini di adesioni e di aspettative. Lo sport è il giusto traino per trasmettere ai ragazzi i valori essenziali che coniugano la competizione sportiva a quella della vita, dove i risultati arrivano sempre per chi sa aspettare, per chi ha tenacia, per chi rispetta il lavoro proprio e degli altri”. Il successo della manifestazione, la più longeva e prestigiosa nell’ambito dell’educazione sportiva nei confronti dei bambini, è scritto nei numeri: 18 edizioni in archivio, quasi 200 tappe già percorse, uno staff di oltre 50 persone che si muove di città in città, ma soprattutto oltre 10 mila ragazzi coinvolti ogni anno.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT