Vandali in azione tra piazza San Tommaso e corso Mazzini. I residenti chiamano la polizia

specchietto rotto in corso MazziniUna parte della città, praticamente a ridosso del centro, si lecca le ferite per un sabato – quello scorso – contrassegnato da atti vandalici, alcool e schiamazzi. In pratica, una nottata da dimenticare per  i residenti della zona tra piazza San Tommaso e corso Mazzini ovest. Una notte che, allo stesso tempo, è stata vissuta tra musica, divertimento e in diversi casi anche alcool, a due passi dal centro della città, per circa un centinaio di ragazzi ascolani che hanno approfittato della concomitanza anche di una festa vicino ad alcuni locali della zona. Una notte da dimenticare che ha richiesto anche, da parte di abitanti arrivati all’esasperazione, segnalazioni alle forze dell’ordine e l’arrivo di una pattuglia della polizia proprio in piazza San Tommaso, attorno alle mezzanotte. Una scena  già vista altre volte, da quelle parti, ma che stavolta ha anche lasciato tracce più evidenti con una fioriera danneggiata, bottiglie di birra e alcolici rotte e abbandonate in strada, bidoni dei rifiuti rovesciati, auto danneggiate con specchietti rotti e persino una porta forzata e aperta in un locale attualmente in vendita che, per fortuna, era praticamente vuoto. Insomma, una situazione da film con alcuni giovani che, approfittando forse proprio della massiccia presenza di coetanei  alla vicina festa organizzata all’interno dell’ex chiesa di Sant’Andrea per essere meno identificabili, hanno dato libero sfogo al loro istinto vandalico.bottiglie rotte in strada

 

Aldilà della musica e del divertimento, per qualcuno dei giovani presenti sabato nella zona tra piazza San Tommaso e corso Mazzini ovest, sicuramente annebbiati anche dall’alcool, la nottata si è trasformata nell’ennesima occasione per infrangere le regole e provocare danni, come detto, ad oggetti, auto e locali. Una serata che teoricamente doveva essere solo di puro divertimento e che aveva preso il via intorno alle 22,30 per poi protrarsi fino alle 3 di notte. Fatto sta che, proprio per la presenza e il vociare di così tanti giovani lungo le vie della zona, diversi residenti si sono affacciati per verificare cosa stesse succedendo e hanno visto, in certi punti, uno scenario sicuramente non edificante.

“Oltre a giovani ubriachi intenti a vomitare proprio davanti ai portoni di qualche abitazione – spiega uno degli abitanti della zona – abbiamo constatato anche quali danni fossero già stati provocati da alcuni dei giovani presenti non identificati. Ad esempio, sono state danneggiate alcune auto con specchietti rotti e carrozzeria rigata, è stato anche distrutto un grosso vaso che si trovava sotto i portici, letteralmente spaccato, così come sono stati rovesciati anche alcuni bidoni per l’immondizia. Senza parlare del gran numero di bottiglie di birra o alcolici rotte e gettate a terra, in varie vie della zona. E addirittura, qualcuno ha anche preso a calci fino ad aprirlo il portone di un locale su strada che fortunatamente era vuoto perché in vendita e, quindi, in fase di sistemazione”.

 

Proprio alla luce del fatto che la situazione stava degenerando, diverse sono state le segnalazioni e le telefonate di alcuni abitanti alle forze dell’ordine, proprio per richiedere un intervento che servisse ad evitare ulteriori atti vandalici. Ed in piazza San Tommaso, come raccontano alcuni abitanti, intorno alla mezzanotte è arrivata una pattuglia della polizia proprio per tenere sotto controllo la situazione. Proprio nella stessa piazza, anche in mezzo ai giochi per i bambini, sono state gettate bottiglie rotte e rifiuti a terra. Testimonianze di una notte brava per qualcuno (per fortuna una minoranza) dei tanti ragazzi presenti che magari hanno approfittato della confusione, della scarsa illuminazione e dell’assenza di telecamere nella zona. La mattina dopo, gli addetti alla pulizia delle strade  hanno provveduto a ripulire tutta la zona, riportando decoro e cancellando i segni lasciati dai teppisti. Ma qualche ora prima alcuni residenti avevano scattato alcune foto emblematiche di quanto accaduto. E l’incubo, per gli abitanti della zona, sembra tornato dopo un periodo di apparente tranquillità.

Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT